Alle porte della Val Gerola - Sabato 13 Febbraio 2021

Si torna a camminare! Per inaugurare l’anno abbiamo scelto la Val Gerola, territorio di cerniera tra Orobie e Valtellina, dove boschi e grandi alpeggi si susseguono armoniosamente.

Il nostro itinerario coinciderà per buona parte con il comodo serpentone che da Rasura risale la foresta in cui faggi e abeti la fanno da padrone. Godremo anche di ampi pascoli come quello dell’alpe Culino, punto in cui la vista si sdoppia: difficile scegliere tra l’imponenza del Disgrazia sull’ampia piana Valtellinese, o la più affilata figura del Pizzo di Trona, che chiude a sud la valle.

Non c’è da preoccuparsi, avremo tutto il tempo per decidere e anche per rilassarci e rifocillarci.

 

Torneremo a Rasura, non più per la larga pista, ma per agili sentieri che si intrufolano nel fitto del bosco, attraversando talora suggestivi maggenghi. Qui, nelle ore che precedono il tramonto, la luce lambisce le cime dei larici, mentre il vento trasporta il profumo della legna arsa. Arriverà dal caminetto di una bella baita ristrutturata o, forse, dal solitario focolare dell’Homo Salvadego.

STRISCIA_VALGEROLA.jpg

INFORMAZIONI

• TIPOLOGIA PERCORSO: anello

• PARTENZA: ore 9.00 (Rasura - SO)

• ARRIVO: ore 16.00

• LUNGHEZZA PERCORSO: 9,5 km

• DISLIVELLO: 600 m 

• QUOTA DI PARTECIPAZIONE: 15 euro


La quota NON COMPRENDE il viaggio da e per il punto di partenza, il pranzo al sacco e tutto quanto non espressamente indicato.
L’itinerario potrà variare in relazione alle condizioni meteorologiche e ambientali, oltre che per qualsiasi ragione legata alla sicurezza dei partecipanti.
L'escursione verrà annullata, con avviso tempestivo alle persone che avessero prenotato, nel caso di maltempo o qualora non si raggiunga il minimo di 4 partecipanti (Max 15).

 

DESCRIZIONE TECNICA

Si risale dapprima un tratto di dorsale  su sentiero con pendenze discrete, fino ad incrociare una pista forestale, che prende quota dolcemente con ampi tornanti fino a raggiungere il punto più alto dell'itinerario.

Si scende su sentiero più stretto, ma comunque agevolissimo.

Le ciaspole non saranno necessarie probabilmente per metà della salita, ma diventano molto utili per affrontare l'ultimo tratto (dove lo strato di neve è più spesso) e per tutta la discesa dove il sentiero è meno battuto.

Escursione medio-facile, adatta anche a chi ha poca esperienza con le ciaspole.

 

EQUIPAGGIAMENTO NECESSARIO:

•    scarponcini invernali, con caviglia alta e suola antiscivolo
in buono stato

•    ciaspole e bastoncini da trekking

•    zaino da escursione comodo con ganci predisposti per ciaspole
•    giacca impermeabile e antivento

•    vestiario a cipolla: pantaloni da trekking, pile o maglione di lana, piumino

•    cappellino, occhiali da sole, crema solare

•    guanti
•    scorta d’acqua 1,5 lt (sono presenti punti acqua solamente sulla via del ritorno)
•    viveri per pranzo al sacco

•    mascherina e gel igienizzante


EQUIPAGGIAMENTO CONSIGLIATO:
•    indumenti di ricambio

•    ghette

È necessario prenotare l'escursione entro le ore 14.00 del giorno precedente.
Per prenotazioni o maggiori informazioni scrivete una mail ad askthestone@gmail.com

 

guideassociate.png